Watch The Happy Prince 2 Full Movie Online Free



























Entre chien et loup

The Happy Prince

Movie Management Corporation

STRAT et GO INTERNATIONAL SA

Fйdйration Wallonie Bruxelles (FWB)

© 2018 Entre Chien et Loup • t +32 2 736 48 13 • info(at)entrechienetloup.be • Website by Sowedo

Entre Chien et Loup added 5 new photos.
Vous n’avez pas encore eu l’occasion de voir “L’Homme qui Tua Don Quichotte”, de Terry Gilliam ? Courez vite, il est encore en salle pour quelques jours .

Entre Chien et Loup est а la recherche d’un(e) administrateur de production ! Envoyez-nous vos CV.

Et qui va ouvrir le festival des Hamptons ? Rupert Everett (et d’autres aussi) avec The Happy Prince. Pour nous faire patienter avant la sortie amйricaine et bientфt belge du film.

Trop chaud ? Nous avons la solution : courez dans les salles obscures, c’est la deuxiиme semaine de diffusion de “L’Homme Qui Tua Don Quichotte”, du mytique Terry Gilliam ! ?? Aprиs 25 ans de dur labeur et de d’aventures, le film est finalement prкt pour rencontrer son public, et avec une touche belge !! Ne ratez pas un des films les plus attendus de l’annйe !! ?? Proximus Wallimage #taxshelter.be Tornasol Films Ukbar Filmes The Searchers

Entre Chien et Loup shared their post.
Envie d’un challenge pour cet йtй? Il vous reste encore 5 semaines pour participer а notre challenge sйries. Petite prйcision pour l’article 4.3. du rиglement: La continuitй Dialoguйe mentionnйe est bien celle de l’йpisode pilote! A vos claviers .

Et. c’est parti ! 1er jour de tournage pour “Le Milieu de l’Horizon” de Delphine Lehericey ! Bonne chance а toute l’йquipe et faites-nous rкver . Box Productions, screen.brussels, Centre du Cinйma et de l’Audiovisuel, Be tv, RTBF, Casa Kafka Pictures, Eurimages

For our Dutch-speaking followers: the sublime “The Happy Prince”, by Rupert Everett, about the last two years in the life of Oscar Wilde, will be released in theaters all across The Netherlands tomorrow! NP2 has interviewed Rupert Everett and it will be broadcasted tonight at 10 pm, in NIEUWSUUR. Don’t miss it ! We’ll give you more details about the Belgian release soon. September Film NL

Envie d’une bonne detente animйe et musicale ce mercredi soir? Ne ratez pas “Le Magasin des Suicides”, de Patrice Leconte, sur La Trois а 22h10. Le Magasin Des Suicides, le film RTBF

Entre Chien et Loup shared their album.
Suite au dйcиs du Baron Empain, la RTBF rediffuse “Rapt”, de Lucas Belvaux, librement inspirй de l’affaire de son enlиvement et de sa captivitй en 1978. Ne perdez pas l’opportunitй de (re)voir le film sur La Trois, ce dimanche 24 juin а 21h05! . https://www.youtube.com/watch?v=nFe63Kbk3jY Fan de Lucas Belvaux

Entre Chien et Loup added 6 new photos.
de Lucas Belvaux

Great masterclass with Terry Gilliam at Brussels International Film Festival. After an amazing opening at Bozar .

Entre Chien et Loup shared UPFF – Union des producteurs francophones de films belges’s note.

DING DING DING ! N’oubliez pas le “PITCH CHALLENGE” lancй par Entre Chien et Loup. Pour ceux qui ne seraient pas encore au courant, il s’agit de notre nouvel appel а series ouvert а tous les auteurs francophones sur une base de 4 pitchs diffйrents. Vous avez jusqu’au 7 septembre 2018 et on a hвte de vous lire ! Pour les infos, c’est ici: http://www.entre-chien-et-loup.be/challenge-production-fr.html

Bon on va pas vous mentir, c’йtait un grand moment et on l’a partagй avec (presque) tout Entre Chien et Loup .

Entre Chien et Loup added 2 new photos.
Photo call and press conference for the man who killed Don Quixote. it was a blast .

On est content, heureux et fier de vous annoncer que “L’Homme qui tua Don Quichotte” de Terry Gilliam est officiellement programmй en tant que film de clфture du Festival de Cannes .

Il y a du nouveau chez Entre Chien et Loup !! ?? Nous lanзons aujourd?hui notre « Pitch Challenge », un appel а sйries ouvert а tous, sur une base de 4 pitchs diffйrents ! Pour trouver toutes les informations, c?est ici : http://www.entre-chien-et-loup.be/challenge-production-fr.html Tous а vos claviers, on est impatient de vous lire .

Bonjour, j’ai beaucoup apprйcier le film The Happy Prince, je vous en remercie. S’il vous plait, pourriez-vous me dire les titres de musiques? Je sais que Gabriel Yared est le responsable, mais je voudrais savoir les musiques utilisйes et qui paraissent (trop rapidement et trop petits. ) au gйnйrique. Tchaikovsky oui, mais les autres? Wagner? Vraiment, je vous saurais grй de bien vouloir me rйpondre Anna

On est plus qu’heureux de vous annoncer que le film de Terry Gilliam, “l’homme qui tua Don Quichotte” fera la clфture du festival de Cannes 2018. .

Aprиs 72 ans, ils ont finalement rйussi а arriver aux Йtats-Unis !! . BYE BYE GERMANY, de Sam Garbarski, vient de sortir aux US et tournera pendant deux mois dans 18 йtats amйricains ! . Voici l’article du Los Angeles Times, aprиs la premiиre dans la Ville des Anges ! Film Movement #SamGarbarski Moritz Bleibtreu Antje Traue Tania Garbarski officiel Tania Garbarski Charlie Dupont @eswareinmalindeutschland

Entre Chien et Loup updated their cover photo.

Voici le texte en intйgralitй: Les producteurs du film de Terry Gilliam – l’Espagnol Tornasol, le Franзais Kinology, le Belge Entre chien et loup et le Portuguais Ukbarfilmes- et le distributeur franзais – Ocйan Films Distribution – rйagissent а l’audience qui s’est dйroulйe hier devant la Cour d’appel de Paris, dans le contentieux qui les oppose а Paulo Branco (Alfama). Alors que L’homme qui tua Don Quichotte est pressenti pour кtre sйlectionnй par le Festival de Cannes et que les premiиres images ont йtй dйvoilйes cette nuit (voir la bande-annonce plus bas), les producteurs du film ainsi que le distributeur franзais ont publiй un communiquй suite а cette audience, dans laquelle ils dйclarent que le film pourra sortir en salles quel que soit la dйcision que rendra la Cour d’appel de Paris le 15 juin prochain. Leur communiquй : “Contrairement aux allйgations de M. Paulo Branco, le film de “L?Homme qui tua Don Quichotte” n?est bloquй en aucune faзon. Aucune dйcision de justice n?a йtй rendue en ce sens. M. Branco, qui avait tentй de faire interdire le tournage du film, a йtй dйboutй de sa demande de contrefaзon par le Tribunal de grande instance de Paris le 19 mai 2017. Le film a donc йtй tournй dans le respect de cette dйcision de justice. Et devant la Cour d?appel de Paris, le 4 Avril 2018, M. Branco a officiellement renoncй а faire valoir une contrefaзon. De ce fait, le litige que tranchera la Cour d?appel le 15 juin prochain concerne exclusivement MM Branco et Gilliam. Dans ce contexte, la campagne de presse orchestrйe par Paulo Branco, qui coпncide avec la prйsentation imminente du film dans des festivals prestigieux, est un moyen pour tenter d?obtenir sous la pression la somme astronomique de 3,5 M? rйclamйe aux producteurs du film. Les producteurs et les distributeurs du film ne cиderont pas devant cette man?uvre d?intimidation et dйfendront vigoureusement l??uvre portйe par Terry Gilliam depuis 25 ans.” Ce communiquй fait aussi suite а un article du Monde paru hier qui laisse entendre que le film pourrait кtre bloquй selon l’arrкt que rendra la Cour d’appel de Paris. “S’ils s’aventurent а sortir le film avant le 15 juin, je demanderai l’interdiction de cette sortie”, a toutefois prйvenu pour sa part l’avocate de Paulo Branco а l’AFP aujourd’hui, le producteur estimant qu’il est toujours dйtenteur des droits. “On ne peut pas distribuer un film dont on ne dйtient pas les droits”, a martelй а l’AFP l’avocate, Claire Hocquet. Selon elle, “le film n’est pas exploitable, mкme dans un festival” car il s’agirait d’une “promotion” pour le film. “Pour sortir ce film, il suffirait de se mettre autour d’une table avec nous”, a-t-elle ajoutй.

Juste au cas oщ ce n?etait pas clair pour tout le monde .

Et un petit teaser surprise de L’homme qui tua Don Quichotte rйalisй (enfin) par Terry Gilliam ! Enjoy .

Et la fкte continue ! ? 5иme semaine pour “Bye Bye Germany” . Dans les salles UGC Toison D’Or, Actor’s Studio, Cameo (Namur), Churchill (Liиge) et Sphinx (Gand) #SamGarbarski Sam Garbarski Sam Garbarski Tania Garbarski officiel Tania Garbarski Charlie Dupont Charlie Dupont

The Happy Prince

The Happy Prince

In der britische Tragikomödie The Happy Prince blickt Rupert Everett in der Rolle des Dichters Oscar Wilde im Exil und kurz vor seinem Tod mit trockenem Humor auf sein Leben zurück.

Handlung von The Happy Prince
Der Ire Oscar Wilde (Rupert Everett) zählte in den 1890ern zu den berühmtesten Schriftstellern des Vereinten Königreiches und galt als Genie, nicht zuletzt durch sein Buch Das Bildnis des Dorian Gray. The Happy Prince wirft jedoch keinen Blick auf sein ganzes Leben, sondern fokussiert sich stattdessen auf seine letzten Tage, bevor er am 30. November 1900 an den Folgen einer Hirnhautentzündung verstirbt.

Zu dieser Zeit erleidet Oscar Wilde in aller Öffentlichkeit einen Nervenzusammenbruch und muss miterleben, wie seine Ehefrau Constance (Emily Watson), seine Freunde Robbie (Hugh Dancy) und Reggie (Colin Firth), sein Liebhaber Bosie und der Priester Dunne (Tom Wilkinson) versuchen, ihn zu kontrollieren.

Hintergrund & Infos zu The Happy Prince
Für The Happy Prince übernahm der Schauspieler Rupert Everett (Die Hochzeit meines besten Freundes) erstmals die Regie bei einem Film, verfasste auch das Drehbuch selbst und schlüpfte in die Hauptrolle des Oscar Wilde. Er hatte den Schriftsteller zuvor bereits auf der Bühne in dem Stück The Judas Tree verkörpert.

Die Darsteller Colin Firth und Rupert Everett hatten beide bereits vor The Happy Prince zusammen in der Oscar-Wilde-Verfilmung Ernst sein ist Alles (2002) mitgespielt. Außerdem kannte sie sich schon aus den Filmen Another Country, Shakespeare in Love, Die Girls von St. Trinian und Die Girls von St. Trinian 2 – Auf Schatzsuche. Tom Wilkinson wiederum hatte bereits im Biopic Oscar Wilde mitgespielt.

Ein Großteil der Dreharbeiten zu The Happy Prince fand Mitte September 2016 in Bayern statt. Außerdem wurde in Frankreich, Italien und Belgien gefilmt. Uraufgeführt wurde der Film schließlich im Januar 2018 auf dem Sundance Film Festival. Kurz darauf wurde das Historiendrama außerdem auf der 68. Berlinale im Februar 2018 in der Sektion Berlinale Special gezeigt. (ES)

Mehr Bilder (16) und Videos (2) zu The Happy Prince

The Happy Prince

  • Partager
  • Acheter
  • Accueil
  • Listes
  • Casting
  • Photos

Biopic et drame

Biopic retraçant les derniers jours de la vie de l’auteur Oscar Wilde.

Casting : acteurs principaux The Happy Prince

Posts The Happy Prince

Sélection de listes The Happy Prince

  • – 90 commentaires” > Films Films et documentaires avec des personnages/thèmes LGBT

Voici une liste de films, téléfilms, courts-métrages et documentaires traitant de l’homosexualité, de la bisexualité et/ou de.

Liste de films à voir. façon tonneau des danaïdes, vidant et se remplissant sans fin. Idée et expression empruntées à Maz. Pas.


Ca passe tellement vite qu’on ne le pensait.

The Happy Prince

Titolo originale: The Happy Prince

The Happy Prince è un film di genere drammatico, storico, biografico del 2018, diretto da Rupert Everett, con Rupert Everett e Colin Firth. Uscita al cinema il 12 aprile 2018. Durata 105 minuti. Distribuito da Vision Distribution.

4.1 di 5 su 48 voti

  • DATA USCITA : 12 aprile 2018
  • GENERE : Drammatico, Storico, Biografico
  • ANNO : 2018
  • REGIA : Rupert Everett
  • ATTORI : Rupert Everett, Colin Firth, Emily Watson, Colin Morgan, Edwin Thomas, Tom Wilkinson, Anna Chancellor, Julian Wadham, Béatrice Dalle, André Penvern, Franca Abategiovanni
  • PAESE : Germania, Belgio, Gran Bretagna, Italia
  • DURATA : 105 Min
  • DISTRIBUZIONE : Vision Distribution

TRAMA THE HAPPY PRINCE:

The Happy Prince, il film diretto da Rupert Everett, racconta gli ultimi giorni di vita di Oscar Wilde (Everett), reduce da un periodo di grandi successi letterari e teatrali e ora caduto in disgrazia.
L’evento che ha segnato il tracollo della sua carriera è stato il processo per la sua omosessualità, conclusosi con una condanna a due anni di lavori forzati che ha minato la sua salute fisica e mentale. Dopo un fallimentare tentativo di recuperare il rapporto con la moglie Costance (Emily Watson) e la scelta, altrettanto fallimentare, di avvicinarsi di nuovo al giovane Lord Alfred Douglas (Colin Morgan), Wilde viene esiliato a Parigi, dove dimora in una modesta pensione, precipitando sempre più tra la povertà, la malattia e i suoi demoni.
Qui rivive i ricordi del passato, che riaffiorano come in un sogno lucido e lo trasportano in altre epoche e in altri luoghi, quando era l’uomo più famoso di Londra, l’artista idolatrato da quella stessa società che poi l’ha crocifisso.
Ora non gli resta che il suo unico, vero, grande amore: la scrittura, in particolare le sue fiabe, grazie alle quali conquista l’affetto e la compagnia di due ragazzi di strada. Al suo fianco ci sono anche i fedeli compagni di una vita: l’amante Robert Ross (Edwin Thomas), che tenta invano di salvarlo da se stesso, e l’affettuoso amico Reggie Turner (Colin Firth). Questo ultimo soggiorno parigino spinge Wilde a ripensare alle passioni che l’hanno travolto in passato, al suo spasmodico bisogno di amare incondizionatamente e alle fughe in Europa, ma anche ai rimorsi nei confronti della moglie e dei figli, coinvolti loro malgrado in un terribile scandalo pubblico. The Happy Prince è un ritratto inedito del lato più intimo di un genio che visse e morì per amore.

PANORAMICA SU THE HAPPY PRINCE:

Film biografico che racconta la triste fase finale della vita del grande Oscar Wilde, gli anni passati in esilio a Parigi malato e in povertà dopo essere stato liberato in Inghilterra dal carcere dove era stato rinchiuso per la sua omosessualità, The Happy Prince è il film che segna l’esordio dietro la macchina da presa e nella sceneggiatura di Rupert Everett, l’attore inglese il cui volto ha ispirato le fattezze di Dylan Dog.
Erano molti anni che Everett aveva in mente questo film incentrato su un personaggio che ama in maniera particolare, in cui forse s’identifica e che aveva interpretato con successo, alcuni anni fa, nella pièce “The Judas Kiss” di David Hare, che raccontava all’incirca dello stesso periodo della vita dello scrittore.
Anche il titolo del film è un chiaro omaggio alle opere di Wilde, riprendendo quello di “Il principe felice e altri racconti“, una raccolta di racconti per ragazzi pubblicata per la prima volta a Londra nel maggio del 1888.
Se è dai primi del Novecento che il cinema ha iniziato a trarre spunto delle opere di questo grande scrittore e intellettuale irlandese, anche la sua vita così ricca, scandalosa e turbolenta è stata più o più volte raccontata sul grande schermo.
Celebre è il film del 1960 intitolato Ancora una domanda, Oscar Wilde!, che è stato diretto da Gregory Ratoff e che vedeva il grande Robert Morley interpretarne il ruolo.
Più di recente, nel 1997, è stata la volta di Wilde, diretto da Brian Gilbert: in quel film, che ha segnato anche il debutto di Orlando Bloom sul grande schermo, nei panni del protagonista c’era un altro grande attore britannico come Stephen Fry, e nel cast figurava anche Tom Wilkinson, che è uno degli attori presenti in The Happy Prince.
Nel cast di questo film di Everett c’è poi Colin Firth: e va sottolineato come una delle precedenti collaborazioni tra i due attori fu quella di L’importanza di chiamarsi Ernest, il film scritto e diretto nel 2002 da Oliver Parker ovviamente a partire dall’omonima pièce di Oscar Wilde.
Prima di arrivare nelle sale italiane, The Happy Prince è stato presentato al Sundance Film Festival, in prima mondiale, e al Festival di Berlino del 2018.

CRITICA DI THE HAPPY PRINCE:

La passione messa da Rupert Everett nel suo ritratto di un Oscar Wilde ormai solo e abbandonato da (quasi) tutti è commovente. L’attore inglese si è sempre visto come un Dorian Gray per il suo iconico punto di riferimento dandy, lottando per anni per portarlo al cinema. Se l’interpretazione, sofferente e claustrofobica, permette di chiudere un occhio su alcuni gonfiori chirurgici, la direzione di un tale complesso materiale, narrativo e visivo, non sempre è all’altezza. Fra salti indietro e avanti nella vita di Wilde il rischio è perdere il centro nevralgico di questo film: l’icona Wilde alle prese con la sua terrena cedevolezza di essere umano e mortale.(Mauro Donzelli- Comingsoon.it)
Leggi la recensione completa di The Happy Prince.

FRASI CELEBRI:

Oscar Wilde (Rupert Everett): Perché l’uomo corre verso la rovina, perché la rovina lo affascina tanto?!

Alfred Bosie Douglas (Colin Morgan): Ti ho fatto una domanda, Oscar! Il tuo fuoco brucia ancora?
Oscar Wilde: Non potevo vivere senza l’atmosfera dell’amore, io devo amare ed essere amato, qualunque sia il prezzo da pagare!

Alfred Bosie Douglas: Posso renderti felice

Reggie Turner (Colin Firth): Nel corredo di ogni esule, non può mancare un ritratto della grande vedova con autografo!

Constance Wilde (Emily Watson): Lui ha ferito anche voi, non è vero?!

Oscar Wilde: Sono solo, non ho nessuno!
Robbie Ross (Edwin Thomas): Tu hai me, Oscar! Ma non ti basta, vero?!

Ambrose Smithers (Joshua McGuire): Oggi non porti le calze di seta, Oscar?!

Giudice (Ronald Pickup): Oscar Wilde, questa corte la condanna a due anni!

Oscar Wilde: Cosa volete dalla mia famiglia, il mio lavoro, la mia libertà, tutto! Non c’è più niente da prendere! Cosa vuoi, uccidermi?! Io sono già morto!

Oscar Wilde: Quante speranza avevamo! Ma io ero condannato dal principio!

Oscar Wilde: Io sono il mio Giuda!

Voce off: La sofferenza è nulla, quando c’è l’amore. L’amore è tutto!

The Happy Prince

  • Partager
  • Acheter
  • Accueil
  • Listes
  • Casting
  • Photos

Biopic et drame

Biopic retraçant les derniers jours de la vie de l’auteur Oscar Wilde.

Casting : acteurs principaux The Happy Prince

Posts The Happy Prince

Sélection de listes The Happy Prince

  • – 90 commentaires” > Films Films et documentaires avec des personnages/thèmes LGBT

Voici une liste de films, téléfilms, courts-métrages et documentaires traitant de l’homosexualité, de la bisexualité et/ou de.

Liste de films à voir. façon tonneau des danaïdes, vidant et se remplissant sans fin. Idée et expression empruntées à Maz. Pas.

Ca passe tellement vite qu’on ne le pensait.

The Happy Prince

Film 2018 | Commedia +13 105 min. Dettagli

Regia di Rupert Everett. Un film Da vedere 2018 con Rupert Everett, Colin Firth, Colin Morgan, Edwin Thomas, Emily Watson, Tom Wilkinson. Cast completo Titolo originale: The Happy Prince. Genere Commedia – Italia, Belgio, Germania, Gran Bretagna, 2018, durata 105 minuti. Uscita cinema giovedГ¬ 12 aprile 2018 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 – MYmo net ro 3,06 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Il soggiorno di Wilde con il compagno Douglas nel 1807, il viaggio che fece scandalo nella societГ del tempo. In Italia al Box Office The Happy Prince ha incassato 334 mila euro .

The Happy Prince ГЁ disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Impostazioni dei sottotitoli

Dopo il periodo di successi letterari e teatrali Oscar Wilde ГЁ caduto in disgrazia. Processato per la sua esplicita omosessualitГ e condannato a due anni di lavori forzati ГЁ uscito dal carcere minato nella salute e nell’animo. Esiliatosi a Parigi, dopo un tentativo di ricostruire il rapporto con la moglie, torna ad unirsi al giovane Lord Douglas e precipita sempre piГ№ nel disastro totale. Gli restano solo le sue fiabe con le quali si conquista l’affetto di due ragazzi di strada.

Rupert Everett accarezzava da tempo il progetto di portare sullo schermo gli ultimi giorni di vita del suo autore preferito, Oscar Wilde. Ci ГЁ finalmente riuscito grazie a una coproduzione internazionale che ha visto in gioco numerosi soggetti che gli hanno consentito di dirigere e interpretare nel ruolo del protagonista il film.

Si sente in ogni inquadratura l’amore che Everett prova per questo grande autore colto ed accompagnato sulla strada dell’autodissoluzione costruita bicchiere su bicchiere di assenzio nella ricerca di un piacere che, di giorno in giorno, perde qualsiasi valenza estetica per tradursi in un disperato tentativo di confrontarsi con la morte in arrivo. Quella morte che aveva descritto magistralmente sotto aspetti diversi, da “SalomГЁ” a “Il gigante egoista” e il cui arrivo ora centellina raccontando a due ragazzi di strada la fiaba della statua del principe felice che progressivamente si spoglia di ciГІ che ha e che viene abbattuta assieme alla morte della rondine che ha portato l’oro e le pietre preziose che lo rivestivano a chi ne aveva bisogno. Dio perГІ chiede ad un angelo di portargli le due cose piГ№ preziose della cittГ : il cuore di piombo del principe e la rondine stessa.

Everett utilizza la metafora per mettere in scena il suo Wilde. Un uomo ormai fiaccato nel corpo cosГ¬ come la statua del principe diviene priva di ornamenti. Oscar ha ormai perduto il suo appeal, quello che riempiva i teatri e faceva inneggiare all’autore. Ora canta, se richiesto, in locali di pessimo ordine e le sue tasche sono perennemente vuote. La malattia che lo porterГ alla fine progredisce di giorno in giorno mentre passa dalla Francia all’Italia per poi fare ritorno in terra francese dove verrГ sepolto con una scritta sulla lapide tratta dal libero di Giobbe: “Nulla osavano aggiungere alle mie parole, e su di loro stillava goccia a goccia il mio discorso”. Solo di recente la Gran Bretagna ha fatto ammenda per la condanna inflitta allo scrittore. Questo film, senza fare sconti a nessuno (Wilde compreso) ci spinge a riflettere.

Bellissimo film scritto diretto e interpretato da Rupert Everett, narra degli ultimi anni di Oscar Wilde, debilitato nel fisico e ridotto in povertà dopo due anni di prigionia e lavori forzati scontati per aver commesso il reato di immoralità nella Londra vittoriana e bacchettona di fine ottocento. Veristico nel rappresentare ambienti ed atmosfere di sordide taverne inglesi [. ] Vai alla recensione »

Gli ultimi anni di Oscar Wilde sono caratterizzati dal dramma della condonna per omosessualità che lo portò in prigione per due anni. L’uomo che torna libero è distrutto più che dall’esperienza carceraria, ma dal ricordo di una folla che lo derise durante un trasferimento da una prigione ad un’altra. L’uomo è debole, fragile, diviso tra il [. ] Vai alla recensione »

Rupert Everett dirige ed impersona in maniera magistrale l’ultimo e doloroso periodo di Oscar Wilde, fino al commiato finale confortato dagli amici più stretti, ma lontano da quella Londra, che dapprima aveva osannato il suo genio e poi messo all’indice,privato degli affetti familiari e condannato a due anni di lavori forzati:In tal senso il film è alquanto spietato [. ] Vai alla recensione »

“A me mi piace vivere alla grande ma, girare tra le favole in mutande ma. ”: questa parte di una canzone del semi sconosciuto Franco Fanigliulo del 1979 si potrebbe accostare al film The Happy Prince, sull’ultimo anno di vita di Oscar Wilde. Visse dal 1854 al 1900, una vita breve e bruciata come egli stesso in fondo la volle. Il genio distribuito ai contemporanei e ai posteri [. ] Vai alla recensione »

Ruper Everett si cimenta per la prima volta alla regia, dando vita a un personaggio a lui molto caro ,che ha affascinato e continua ad affascinare tuttora , forse il più grande scrittore dell’Inghilterra vittoriana, Mister Oscar Wilde, tralasciando però l’aspetto più conosciuto di dandy, flaneur e raccontando invece il periodo più buio e doloroso della sua [. ] Vai alla recensione »

“The Happy Prince” (id., 2018) è il primo lungometraggio dell’attore-regista inglese Rupert Everett. “Sto morendo al di sopra delle mie possibilità”. Le parole di Oscar Wilde escono come un pugno a se stesso e al mondo suo vicino. Siamo nel 1987 quando il ‘poeta-drammaturgo’ esce di prigione.

L’attore Rupert Everett, con “Happy Prince”, si cimenta per la prima volta alla regia portando sullo schermo gli ultimi travagliati anni della vita dello scrittore Oscar Wilde. Dall’anno della sua condanna in quanto omosessuale e dai due conseguenti anni di dura prigione, Wilde, a cui nel frattempo è stato proibito di vedere i suoi due bambini, vive in condizioni [. ] Vai alla recensione »

Il Divino Rupert, imbolsito e ingrassato (forse. ) per ragioni sceniche , si cala con convinzione ( troppa) , nei panni tristi del Genio di Oscar Wilde,al tramonto, ferito a morte dal conformismo vittoriano che lo punì più per il pubblico scandalo che per la natura dello stesso. Girato e fotografato molto bene il film smette le sfavillanti atmosfere di altre opere sul [. ] Vai alla recensione »

Condivido appieno la recensione di Mymovies

Dopo averlo tanto bene interpretato nelle opere piГ№ brillanti, Rupert Everest, scrive e dirige un film in cui accompagna il suo scrittore fino alla dissoluzione: che passa da povertГ , cattivo bere, amori fintamente corrisposti e socialmente impegnativi. Ma anche da punti di ripresa dissacranti, scenografie filologicamente curate e paesaggi tristi. Un film difficile e quasi ruvido nonostante la “leggerezza” [. ] Vai alla recensione »

Fare politica con il corpo, sul corpo, nonostante il corpo, e produrre la propria identitГ sessuale e di genere in relazione alla societГ , alla cultura e allo spazio in cui ci muoviamo. La politica e l’identitГ di genere sono temi su cui il cinema riflette da tempo, prendendo spesso in prestito, come nel recente caso di The Happy Prince (al cinema dal 12 aprile) l’esempio di grandi figure storiche. Qui il “campione” che lotta contro il resto del mondo ГЁ Oscar Wilde, trasformato dal regista-attore Rupert Everett in una figura cristologica che alla fuga sceglie consapevolmente il sacrificio della condanna per omosessualitГ , nell’Inghilterra di fine Ottocento.

Ma la chiave dei grandi personaggi storici non ГЁ l’unica con la quale il cinema ha imparato a declinare il complicato rapporto tra sessualitГ e societГ .

Storia degli ultimi anni di vita di Oscar Wilde, uscito di prigione dopo aver scontato il carcere per omosessualitГ , The Happy Prince di Rupert Everett ГЁ un film fortemente politico nel porre l’accento sul sacrificio compiuto dall’artista inglese, primo ad accendere la miccia dell’esplosiva battaglia per i diritti degli omosessuali. “La sua ГЁ stata la prima storia di omosessualitГ davvero pubblicizzata. Dopo di lui il mondo intero ha iniziato a parlarne: all’epoca era ancora tabГ№ – ha detto Everett in un’intervista – Wilde ha segnato l’inizio del movimento di liberazione omosessuale e Lgbt. L’omosessualitГ ГЁ diventata un tema dopo la sua morte. Le libertГ per cui abbiamo tanto combattuto sono iniziate con i suoi sacrifici”.

Un tema che torna, in tutt’altro contesto storico, in Milk di Gus Van Sant: ancora una volta si parte da una figura storica, quella di Harvey Milk, primo gay dichiarato a ottenere a una carica politica negli Stati Uniti, per raccontare una storia di riscossa di genere – anche in questo caso con un finale amaro – iniziata negli anni Settanta e non ancora veramente conclusa. Г€ invece la costruzione di una (nuova) identitГ femminile al centro de La battaglia dei sessi di Jonathan Dayton e Valerie Faris, ambientato negli anni della rivoluzione sessuale. L’alfiere del cambiamento ГЁ qui la campionessa mondiale femminile di tennis Billie Jean King, raccontata durante il celebre match del 1973 che la oppose all’ex campione maschile Bobby Riggs. Una lotta combattuta sullo sfondo della nascita del femminismo e condotta su due fronti: contro la societГ che non concedeva uguaglianza alle donne, e contro la morale che non ammetteva che una donna potesse amare una compagna.

Quando scrisse Il Principe felice, Oscar Wilde non era ancora stato colpito dallo scandalo di una condanna per indecenza che avrebbe distrutto la sua carriera e la sua vita familiare. Eppure quel folgorante racconto ГЁ come un presagio dell’imminente destino di sofferenza del grande irlandese, passato nel giro di niente da applaudito beniamino della folle a esecrato oggetto di disprezzo.

Per Rupert Everett, il ruolo inseguito da una vita. Al cinema, dove si ГЁ fatto almeno in tre: attore, sceneggiatore, regista (possiamo aggiungere produttore, per via dell’ostinazione). A teatro aveva giГ recitato in “The Judas Kiss” di David Hare: gli anni miserabili di Oscar Wilde, dopo l’arresto, il processo, i due anni ai lavori forzati. Il padre del suo amante Bosie gli aveva scritto un bigliettino [. ] Vai alla recensione »

Esordio alla regia per Rupert Everett con un progetto coltivato a lungo: Happy Prince, il principe felice, un racconto per bambini di Oscar Wilde che la madre gli leggeva da bimbo. Il rapporto stretto che Everett ha con questo film, scritto, diretto e interpretato ГЁ sottolineato dal fatto che lo accompagni in ogni festival, perchГ© per Rupert ГЁ un omaggio a un antesignano.

Wilde chez Everett. Si puГІ dire debole la pressione diretta dell’opera di Wilde (1854-1900) e acquisite e non cresciute certe importanti passioni amorose, ma nessuno potrГ dire che non sia un ritratto personale e onestamente scavato, nel sublime come nel reietto, di un ribelle rivelatore delle catene morali, genio e martire precursore dei tempi. Presa nei tre anni oscuri prima della morte, esiliato [. ] Vai alla recensione »

La sceneggiatura l’aveva pronta da dieci anni. Ma all’epoca non aveva soldi per girare il film. Oggi sГ¬, assieme al fisico bolso e invecchiato. E cosГ¬ Rupert Everett puГІ finalmente mettere tutto se stesso e la propria omosessualitГ nell’interpretare l’ultimo Oscar Wilde, disfatto e (in)felice. La recitazione ГЁ massiccia, come il fisico dello scrittore-attore.


Sardaar Ji 2 | Hindi Movies 2018 Full Movie | Diljit Dosanjh Movies | Sonam Bajwa | Monica Gill


THE BLIND PRINCE AND THE SPIRITUAL MAID – 2018 NEW NIGERIAN MOVIES|AFRICAN ENGLISH MOVIES


Leave a Reply